Cod. 48 – Contro le regole

Stato progetto: chiuso Sede: scolastica

Le regole fanno parte del nostro mondo fin dall’infanzia. Ma a volte dimentichiamo il motivo per cui sono nate: il desiderio di stare insieme. In questa esperienza, giochiamo con la recitazione per ricordare che ogni norma è parte di una storia. E che i protagonisti siamo noi, nessuno escluso.

Obiettivi

Con questa esperienza l’Associazione inQuanto teatro intende lavorare a diversi obiettivi in parallelo.
“Contro le regole” è un laboratorio didattico artistico multidisciplinare.

Da un punto di vista civico, obiettivo primario è la percezione e la sperimentazione, da parte dei bambini e delle bambine partecipanti, di una comunità: la condivisione di una riflessione sulle regole, capace di potenziare il senso critico e la capacità di autoregolamentazione, il senso di responsabilità e l’empatia.

Dal punto di vista artistico, gli operatori teatrali professionisti di inQuanto teatro desiderano trasmettere una maggiore consapevolezza espressiva, che include la gestione di voce, mimica, prossemica, silenzio e ascolto, sicuri che questa consapevolezza sia uno strumento fondamentale di partecipazione culturale e civile.

Per le classi

L’attività si sviluppa in 3 incontri, la cui durata è stabilita in accordo coi docenti di riferimento e che, indicativamente, sarà di 60 minuti per le classi di scuola primaria e di 40 minuti per le classi di scuola dell’infanzia.
Ogni incontro si svolgerà adattando il seguente schema alle esigenze della classe:
– riscaldamento: esercizi di ascolto, respirazione, interazione, per attivare l’attenzione dei partecipanti;
– introduzione tematica da parte degli operatori;
– esposizione di un cartello illustrato, discussione mediata dagli operatori, attribuzione collegiale di significato;
– proposte di azioni condivise, esercizi e giochi teatrali in relazione alla regola stabilita
– raccolta e scambio di feedback, giudizi, proposte;
– chiusura.

La varietà di media e linguaggi utilizzati, insieme all’esperienza del team di lavoro, permette di modulare l’esperienza in base all’età e alla composizione della classe aderente, tenendo presente tutte le sue specifiche linguistiche, e considerando ogni pregressa difficoltà comportamentale.
Momento centrale del progetto è infatti il confronto e la discussione tra gli operatori artistici e la classe, un dialogo che sarà condotto con un linguaggio e un grado di approfondimento tarato in base alle esigenze degli interlocutori.
L’utilizzo di supporti visivi e pittografici (i cartelli da cui si avvia la riflessione sulle regole), il coinvolgimento di tutta la sfera sensoriale (con musica, movimento, contatto e interazione) è volto a sollecitare anche i partecipanti con difficoltà linguistiche e altre specifiche difficoltà legate alla comprensione orale.

Sede scolastica (le attività dovranno svolgersi in uno spazio sgombro: aula, palestra, auditorium). In caso di programmazione nei mesi caldi, e in caso di richiesta da parte degli insegnanti, l’attività potrà essere svolta anche all’aperto.
Periodo gennaio/giugno


Per gli insegnanti

Durante i tre incontri con la classe è consigliata la presenza di almeno un’insegnante. Agli insegnanti è dedicato un incontro introduttivo e un momento di relazione finale. Nel primo momento gli operatori registreranno le caratteristiche e le problematiche presenti nella comunità classe in modo da selezionare cartelli, attività e argomenti a loro giudizio più utili. Nel secondo appuntamento, forniranno agli insegnanti una relazione sui progressi osservati negli alunni e sull’esito dell’esperienza. Questi appuntamenti possono essere svolti in presenza (per esempio in aula professori) o a distanza (per esempio tramite una video-chiamata).

Ogni materiale utile, compreso l’eventuale piccolo impianto di amplificazione in caso di attività all’aperto, sarà fornito dall’Associazione.

Entro due settimane dalla conclusione del laboratorio, gli operatori artistici dell’Associazione realizzeranno un report scritto per ogni classe partecipante, in modo da condividere con i docenti di riferimento le proprie annotazioni circa i progressi, le potenzialità e le eventuali problematiche della comunità classe e dei singoli partecipanti. La realizzazione di materiali fotografici avverrà secondo le indicazioni degli insegnanti di riferimento e, se riguarderà anche i partecipanti, mediante la produzione di liberatorie di consenso informato rilasciate ai genitori.

Contatti

Referente
Assessorato all’Educazione del Comune di Firenze – Direzione Istruzione
Ufficio Progetti Educativi e Comunicazione
Telefono 055 2625695  E-mail  info.lechiavidellacitta@comune.fi.it

Partner
In Quanto teatro – Associazione culturale
Via Brunetti 18 50133 Firenze
Web www.inquantoteatro.it
Telefono 3396781785
E-mail inquantoteatro@gmail.com