Cod. 201 – Ballamondo

Progetto gratuito per la classe soggetto a possibili limitazioni nel numero di richieste accolte

Destinatari: scuola dell’infanzia sezione grandi, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado
Referente: Direzione Istruzione del Comune di Firenze, Servizio Attività Educative e Formative, Ufficio Progetti Educativi, 055 2625788
Progetto predisposto da:  Associazione Culturale CETRA, in collaborazione con l’Assessorato all’Educazione – Comune di Firenze
Sede: via G. Masini, 42 – Castelfiorentino, Firenze

Telefono: 3701149658

web/e-mail : www.associazionecetra.it / info@associazionecetra.it

Obiettivi:

Senso ritmico: attraverso la danza, la motricità diviene un mezzo per acquisire abilità relative alla comunicazione gestuale e mimica. L’ alunno imparerà a cogliere le sensazioni prodotte dal suo corpo accrescendo la capacità di esprimere le proprie emozioni attraverso i gesti. A questo scopo sono particolarmente indicati quei balli caratterizzati da elementi pantomimici (Ballo dei gobbi, Branles, I Vecchietti, etc.) o da coreografie costruite in stretta relazione con la partitura musicale (Ballo dei campanelli) che consentono all’ alunno di personalizzare i movimenti scoprendone la musicalità e le infinite gamme espressive. Con la pratica della danza l’ alunno acquisirà quindi maggiore consapevolezza della sua corporeità, adattando passi, gesti e stili alla propria personalità. Il ballo è un’ espressione delle diverse realtà culturali che nel corso del tempo si sono evolute, differenziate e stratificate e come ogni linguaggio è il riflesso di codici, convenzioni e mode. Ecco quindi che gli alunni possono imparare a riconoscere repertori coreografico-musicali di epoche e culture differenti, acquisendone gli elementi peculiari.
Capacità imitativa e qualità del movimento: la danza si apprende per imitazione e il movimento da imitare deve essere chiaro e preciso.

Attraverso la danza, la motricità diviene un mezzo per acquisire abilità relative alla comunicazione gestuale e mimica. Il bambino imparerà a cogliere le sensazioni prodotte dal suo corpo accrescendo la capacità di esprimere le proprie emozioni attraverso i gesti. A questo scopo sono particolarmente indicati quei balli caratterizzati da elementi pantomimici (Ballo dei gobbi, Branles, I Vecchietti, etc.) o da coreografie costruite in stretta relazione con la partitura musicale (Ballo dei campanelli) che consentono al partecipante di personalizzare i movimenti scoprendone la musicalità e le infinite gamme espressive. Con la pratica della danza il bambino acquisirà quindi maggiore consapevolezza della sua corporeità, adattando passi, gesti e stili alla propria personalità. Il ballo è espressione delle diverse realtà culturali che nel corso del tempo si sono evolute, differenziate e stratificate e come ogni linguaggio è il riflesso di codici, convenzioni e mode. Ecco quindi che i partecipanti possono imparare a riconoscere repertori coreografico-musicali di epoche e culture differenti, acquisendone gli elementi peculiari.

L’iniziativa è così articolata:
Per gli insegnanti:
un incontro con le insegnanti per la presentazione del progetto e per raccogliere informazioni sulla  classe
Sede: Direzione Istruzione, via Nicolodi 2
Periodo: Dicembre
Orario: 17,00

Per le classi:

6 incontri di due ore dove saranno presentati ai partecipanti alcuni balli di gruppo, come:
BRANLE DEI CAVALLI
Ballo che appartiene al repertorio rinascimentale francese descritto nell’opera “Orchésographie” di Thoinot Arbeau del 1589.
HIOTIKOS (Grecia)
Danza in cerchio aperto. Le mani dei ballerini sono appoggiate sulle spalle dei compagni a fianco.
BISARKA BOJARKA (serbia)
ballo di grande e piccolo gruppo
PERA STOUS (Grecia)
ballo di gruppo
– un incontro di restituzione con le insegnanti per comprendere gli elementi positivi e le eventuali criticità del progetto.

Sede: palestra  della scuola o in alternativa in un’ampia stanza per permettere il movimento.
Periodo: Gennaio – Maggio
Orario: da concordare

Documentazione:

Saranno fornite agli insegnanti tutte le musiche ballate dai  ragazzi. Ad ogni classe partecipante sarà consegnato il materiale prodotto durante tutti gli incontri (foto e riprese video).

Saranno fornite agli insegnanti tutte le musiche ballate dai bambini e dai ragazzi. Ad ogni classe partecipante sarà consegnato il materiale prodotto durante tutti gli incontri (foto e riprese video).

L’Associazione si rende disponibile a curare l’organizzazione di una piccola performance da realizzare durante la festa organizzata dalla scuola, o indipendente da essa, che potrebbe prevedere il coinvolgimento dei genitori. In questo caso tale iniziativa andrebbe a sostituire l’ultimo incontro previsto dal progetto

Indicazioni particolari:
Qualora fosse possibile potrebbe essere progettata una piccola performance da realizzare durante l’eventuale festa organizzata dalla scuola, o indipendente da essa,  che potrebbe prevedere il coinvolgimento dei genitori. In questo questo caso tale incontro andrebbe a sostituire l’ultimo incontro previsto dal progetto.

Cerca un progetto
CERCA UN PROGETTO

Non trovi un progetto? Consulta l’elenco generale

Menu