Cod. 114 – Giustizia sociale e sostenibilità ambientale

Stato progetto: chiuso Sede: scolastica

Percorso didattico per un consumo consapevole e solidale

“Giustizia sociale e sostenibilità ambientale” è un percorso didattico di quattro ore sullo sviluppo sostenibile per ragazze e ragazzi.
Attraverso un gioco di ruolo gli studenti impareranno a conoscere le dinamiche globali di produzione e scambio di cibo, nonché l’impatto socio-ambientale di ciò che comunemente mettiamo sulle nostre tavole. Il percorso formativo permetterà di approfondire tematiche correlate allo sviluppo sostenibile, al commercio equosolidale e all’educazione ambientale.

Obiettivi

Il percorso didattico si propone di fornire agli studenti alcuni semplici strumenti, utili per comprendere pienamente la complessità del mondo che li circonda e ad esercitare in futuro un ruolo attivo nella società come cittadini consapevoli.
È obiettivo del progetto l’acquisizione delle seguenti nozioni:

  • Sostenibilità, Filiera e Commercio equo e solidale;
  • Introduzione al concetto di Sviluppo Sostenibile;
  • Correlazione fra tutela dell’ambiente, difesa dei diritti umani e promozione della parità di genere.

Partendo dalle nozioni basilari di sostenibilità e filiera, viene quindi sviluppato un percorso di consapevolezza dell’impatto che ognuno può avere come consumatore privilegiando le filiere che scelgono modelli sostenibili di produzione.

Per le classi

l progetto si articolerà in 2 incontri in classe di 2 ore ciascuno:

  • Primo incontro – In un primo momento gli studenti saranno coinvolti in un laboratorio interattivo costituito da un gioco di ruolo sulla produzione e sul commercio internazionale di alimenti. Gli studenti saranno divisi in squadre e ogni squadra rappresenterà un produttore agricolo di un diverso Paese. I vari Paesi, dotati di appositi kit, dovranno mettere in atto le strategie più funzionali al raggiungimento dell’obiettivo finale, ossia la capacità di garantire ai propri cittadini un reddito equo e una vita dignitosa senza avere un eccessivo impatto ambientale.
  • Secondo incontro – gli operatori avranno modo di far riflettere gli studenti sulle ingiustizie alla base del commercio locale e globale. Saranno approfonditi l’impatto ambientale della filiera agroalimentare e il tema dei cambiamenti climatici.
    Verrà posta, inoltre, grande attenzione sui profondi squilibri che ancora oggi lasciano le donne in una condizione di marginalità̀ in diverse aree del mondo, privandole di diritti fondamentali.

Il percorso verrà concluso con la consegna ad ogni studente di un gadget del commercio equosolidale: un esempio concreto di produzione sostenibile che rispetti i diritti delle persone e del pianeta.

Sede scolastica
Periodo gennaio/maggio


Per gli insegnanti

Le attività con ogni classe saranno precedute da un colloquio telefonico con il docente di riferimento, a cui farà seguito l’invio delle istruzioni e dei materiali preparatori.
Lo scopo del colloquio è quello concordare con il docente alcuni approfondimenti specifici e di dettagliare le modalità di svolgimento del gioco di ruolo, in modo da predisporre l’attività più inclusiva possibile per i ragazzi, coinvolgendo ogni studente nel ruolo più stimolante per lui.

Periodo novembre/dicembre

Quando richiesto dai docenti, sarà offerta la possibilità di realizzare un piccolo questionario interattivo tramite i moderni strumenti digitali.
Si tratta di uno metodo per coinvolgere i ragazzi in una valutazione anonima delle competenze acquisite e per misurare il gradimento e l’efficacia del percorso didattico.

Contatti

Referente
Assessorato all’Educazione del Comune di Firenze – Direzione Istruzione
Ufficio Progetti Educativi e Comunicazione
Telefono 055 2625695  E-mail  info.lechiavidellacitta@comune.fi.it

Partner
Il villaggio dei popoli
Via dei Pilastri 45/r, Firenze
Web www.villaggiodeipopoli.it
Telefono 055 2346319 – 3204398967
E-mail associazione@villaggiodeipopoli.org