Le Chiavi della Città 2012-13: presentazione del Sindaco e dell’Assessore Modifica

News

Avere le chiavi di una città in mano significa tante cose. Vuol dire comprenderne a fondo i segreti: conoscerne la storia, quella che apre le porte della conoscenza, le tradizioni che ne costituiscono le fondamenta, le narrazioni che ne rappresentano i sogni. Ma possedere le chiavi significa anche e soprattutto avere in mano il futuro di un luogo: avere il potere di ridisegnarne lo spazio, di riorganizzarne la vita, la soluzione per rivoluzionarne il contenuto. A questo servono i percorsi di sviluppo pensati dall’Amministrazione per i suoi studenti: a spiegare l’origine della nostra comunità per consentire ai suoi ragazzi di entrare profondamente in contatto con essa, con la sua storia, per esserne la prosecuzione migliore. Consegnare a voi ragazzi le chiavi di Firenze è un gesto molto più che simbolico. È un atto di fiducia, di convinto sostegno e di richiesta di partecipazione. La città non è certo di chi la amministra, ma di chi la vive: e voi siete le persone che la vivono con noi ora, e la svilupperanno in futuro. È giusto dunque che ne siate padroni sin da ora, comprendendo a fondo il significato importante che questa proprietà significa. Proprietà come responsabilità, come attenzione, come cura. Firenze è vostra, di più: Firenze siete voi. Insieme a noi, per il momento, che vi consegniamo con questi strumenti di conoscenza ciò che a nostra volta abbiamo ricevuto dai nostri padri. Per conservarlo al meglio ma soprattutto per agire in esso, per farne messaggio di bellezza e pace per il mondo intero. Come da sempre la nostra, la vostra città ha il privilegio di essere. Cittadini responsabili, presenti, attenti. Questo la nostra scuola vi aiuta ad essere e di questo la nostra comunità ha bisogno. Dunque afferrate queste chiavi, aprite le porte della nostra società e vivete con noi da protagonisti, mostrando voi a noi, gli adulti, la strada più bella: quella ancora da percorrere.

Matteo Renzi
Sindaco di Firenze

 

Conoscere, per costruire il futuro. E’ questa la sfida che vi attende in una società in continua evoluzione e sempre più competitiva, dove la capacità di innovare e di proporsi con la forza delle idee e dei progetti diventa essenziale.
Impegno, curiosità e voglia di apprendere sono gli strumenti che vi permetteranno di sfruttare a pieno i percorsi educativi e formativi che vi vengono offerti, per aprire nuovi orizzonti di consapevolezza e conoscenza. Percorsi che nascono e si sviluppano all’interno delle “Chiavi della Città”, frutto dell’attenzione che l’amministrazione cittadina ha sempre riservato all’educazione e a voi, giovani di una città unica al mondo, ampliandoli e arricchendoli nel corso degli anni, per coinvolgere e valorizzare nuovi interpreti e nuove risorse. Molteplici contributi che hanno preso forma in un’opera collettiva, in cui idee e progetti diventano proposte concrete. Ci siamo impegnati per riuscire a raccogliere le proposte che sembravano migliori, per non tornare indietro, anche se le difficoltà che il paese affronta in questi tempi rischiavano di penalizzare i nostri sforzi. Ma l’istruzione non si tocca, perché le fondamenta del paese che vogliamo si costruiscono sull’educazione e sulla conoscenza. Le “Chiavi della Città” rappresentano il “passepartout” per arrivare al cuore di Firenze, per scoprire i suoi tesori e le sue tradizioni, per ritrovare le proprie radici e la cultura in cui siamo cresciuti, proiettandole verso il futuro che sarete chiamati a plasmare.
Una storia che parla di arte e economia, ma anche di innovazione scientifica e tecnologia, di cittadinanza attiva e di legalità, rinnovando il ruolo di Firenze come ponte fra culture diverse, come luogo d’incontro e di crescita comune.
Il futuro della nostra società è negli studenti di oggi, che saranno i cittadini di domani. A voi offriamo le chiavi di una comunità che aspira a migliorare e a crescere, che vuol mantenersi solidale e capace di coltivare i suoi ingegni migliori, offrendo a tutti gli strumenti per affrontare la vita e per essere protagonisti delle sfide che vi attendono.

Rosa Maria di Giorgi
Assessore all’Educazione

Menu