Cod. 269 – Pietra di luna

 

Riscopriamo l’antica arte della scagliola

 

Progetto con costo a carico della classe

Destinatari:  scuola secondaria di primo grado
Referente: Direzione Istruzione del Comune di Firenze, Servizio Attività Educative e Formative, Ufficio Progetti Educativi, tel. 0552625695
Progetto predisposto da: Osservatorio Mestieri d’Arte con  in collaborazione con Ufficio Progetti Educativi, Assessorato all’ Educazione
Sede: via Bufalini, 6
Telefono: 0555384970
Web/e-mail www.osservatoriomestieridarte.it, martina.antoniucci@osservatoriomestieridarte.it 

L’arte della scagliola nasce dall’ingegno di abili maestri artigiani del Rinascimento che intesero trovare un’alternativa economica alle tarsie di marmi e pietre dure, particolarmente diffuse a Firenze. Dalla frantumazione della selenite (letteralmente ‘pietra di Luna’) si ricava un gesso poi unito ad acqua, colle animali e vari colori per ottenere la scagliola. Grazie alla sperimentazione pratica, inoltre, i ragazzi comprenderanno non solo il valore del ‘fatto a mano’ ma anche della pazienza e della progettualità. Questa tecnica richiede infatti una ragionata pianificazione di fasi, attese e ritmi, per non perdere tempo prezioso ma ugualmente senza la fretta che comprometterebbe quanto fatto.
In caso di difficoltà i partecipanti potranno cogliere, con la guida di un artigiano esperto, che a tutto c’è una soluzione, che nessun errore è irrimediabile, basta solo fermarsi e pensare. Tramite un’esperienza manuale si fa esperienza di concetti comuni a tutti. Può anche capitare che uno sbaglio diventi qualcosa di bello e caratteristico, un valore aggiunto, espressione di un manufatto unico nel suo genere, come solo le produzioni artigianali possono essere.
Il laboratorio si articolerà tra brevi momenti teorici e consistenti fasi operative che consentiranno la realizzazione di una piccola formella in scagliola, che ogni alunno potrà portare a casa.

Obiettivi

  • Riscoprire questa antica lavorazione artistica, ormai poco eseguita e quasi sconosciuta ai più
  • Comprendere non solo il valore del ‘fatto a mano’ ma anche della pazienza e della progettualità.

Metodologia

L’approccio con gli studenti è sempre a carattere pratico ed interattivo, tranne una breve parentesi sulla storia della scagliola e sulla presentazione degli artigiani coinvolti che forniranno a tutti materiali ‘autentici’, frutto del loro lavoro quotidiano in bottega.
Ogni fase di lavorazione verrà spiegata dall’artigiano che seguirà poi gli studenti nella successiva applicazione manuale.
Gli strumenti e materiali adoperati sono di uso sia comune che specifico, non tossici e sostenibili.

L’iniziativa è così articolata:

Per gli insegnanti
Un incontro di presentazione e programmazione delle attività.
Sede: Spazio NOTA , via dei Serragli, 104 (all’interno dell’Istituto Pio X Artigianelli)
Periodo: novembre
Orario: 17.00 -19-00

Per le classi
Due incontri da svolgere in classe, da 2 ore ciascuno.

Incontro 1: realizzazione delle formelle a scagliola grazie all’impiego di telai e vetri protetti come base di appoggio. I ragazzi faranno e coleranno l’impasto che, solidificando, diventerà una mattonella incisa sulla quale eseguire successivamente il decoro da loro progettato.
Incontro 2: le mattonelle di scagliola saranno pronte per ricevere la seconda “gettata” di impasto che alloggerà nella decorazione precedentemente realizzata. Durante la fase di asciugatura si coglierà l’occasione per un breve excursus storico-artistico su questa antica tecnica e sull’esperienza del lavoro in bottega.
Ad impasto asciutto, si levigherà con carte abrasive leggere la seconda gettata, in modo da avere tutto sullo stesso livello e portare alla luce i contorni definiti del decoro.

Sede: scolastica
Periodo:  gennaio- aprile;  selezione e premiazione lavori mese maggio
Orario: scolastico
Costo: Euro 4,00 per ciascun alunno, da destinare a OFFICINA DEL MARMO (che emetterà regolare fattura).

Indicazioni particolari Durante gli incontri verranno fatte delle foto, da diffondere previa autorizzazione da parte dei genitori dei minori. Cinque fra i migliori manufatti realizzati da ogni classe saranno selezionati e recapitati dai docenti presso la sede OMA (via Bufalini 6, Firenze) ad inizio maggio. I cinque elaborati preselezionati, esaminati da una Giuria di esperti, parteciperanno alla premiazione finale a fine maggio aperta a insegnanti, allievi e famiglie e realizzata in collaborazione con il Comune di Firenze. La preselezione dei manufatti e la partecipazione alla premiazione degli stessi sono da ritenersi parte integrante ed essenziale del progetto. 

Cerca un progetto
CERCA UN PROGETTO

Non trovi un progetto? Consulta l’elenco generale

Tag Progetto

Menu