Cod. 29 – Percorsi di Mediazione

Imparare a gestire i conflitti

Progetto gratuito per la classe soggetto a possibili limitazioni nel numero di richieste accolte

Destinatari:  Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1° grado
Referente: Direzione Istruzione del Comune di Firenze, Servizio Attività Educative e Formative, Ufficio Progetti Educativi, 055 2625704
Progetto predisposto da:  Associazione per la promozione della mediazione e delle tecniche di comunicazione D’ACCORD in collaborazione con l’Assessorato all’Educazione  – Comune di Firenze
Sede: Via Guglielmo Marconi 60
Telefono: 3286549280
Web/e-mail:  www.strategiedimediazione.blogspot.comassociazionedaccord@gmail.com

Obiettivi:

  • permettere agli allievi di approcciare e sviluppare i principi base della mediazione: il conflitto, come nasce, come si sviluppa, come si gestisce e come può essere risolto
  • fornire ai giovani gli strumenti essenziali per approcciare i principi base della mediazione, attraverso il riconoscimento delle dinamiche conflittuali in se stessi e negli altri, interpretando i ruoli dei vari attori coinvolti nella controversia, ipotizzando possibili soluzioni d’integrazione, padroneggiando i differenti stili di mediazione e condividendo le possibilità di trovare un accordo soddisfacente per tutte le parti coinvolte
  • fa raggiungere a ciascun partecipante maggiore consapevolezza nel riconoscimento e nella gestione dei conflitti
  • a livello di relazione nel gruppo classe sarà introdotta una nuova modalità di accettazione e integrazione della diversità e di contrasto agli stereotipi, grazie alla prospettiva terza e neutrale della mediazione. Se adeguatamente legittimati, i giovani allievi potranno diventare vicendevolmente elementi risolutori dei conflitti tra pari.

Metodologia adottata
La metodologia consiste nel fornire parallelamente elementi teorici sulle dinamiche del conflitto e sulle tecniche di risoluzione e la possibilità di sperimentarli ricostruendone le dinamiche comunicative e interpretando tutti i ruoli coinvolti nella controversia: parti in conflitto, assistenti delle parti, differenti tipologie di mediatori. Nel laboratorio si usano metodologie teatrali che comprendono giochi d’improvvisazione, tecniche di negoziazione, esercizi di gestione dei conflitti. Tutte le attività saranno tarate a seconda dell’età dei partecipanti e della situazione specifica dei componenti della classe e, se opportuno, prendendo spunto anche da dinamiche emerse all’interno del gruppo classe.

L’iniziativa è così articolata:
Per gli insegnanti:
Gli insegnanti verranno contattati telefonicamente e, se ritenuto opportuno, incontrati in via preliminare per approfondire le esigenze specifiche della classe. In itinere e a conclusione verrà fornito un feedback sulle dinamiche emerse durante il laboratorio.
Sede: scolastica
Periodo: Dicembre 2019
Orario scolastico

Per le classi: 
Cinque incontri a scuola di due ore ciascuno indicativamente una volta a settimana, così articolati:

  1. Chi ha cominciato? L’origine dei conflitti
  2. Potente o prepotente? Come affrontare le prevaricazioni
  3. Conflitti coi vicini: trovare soluzioni creative
  4. Lo scontro: reagire in modi differenti
  5. In mediazione: i diversi stili di risoluzione dei conflitti.

Sede:  Aule possibilmente con  LIM
Periodo: Dicembre 2019 – Aprile 2020
Orario: da concordare

Documentazione:
A conclusione del percorso saranno raccolte e messe a disposizione le più efficaci ricostruzioni delle dinamiche conflittuali generate dalle classi e se autorizzati dalle liberatorie materiali audio e video.
Al docente referente sarà fatto omaggio del testo: Ferrari F.C ., & Polenghi G.(a cura di) (2018), “Non mi rompere: esercizi su emozioni, mediazione e conflitti”, Firenze, Tassinari.

Cerca un progetto
CERCA UN PROGETTO

Non trovi un progetto? Consulta l’elenco generale

Menu